Centro Regionale Trapianti - Piemonte

Attività / Trapianto organi / Trapianto cuore / Ritorno a casa / Complicanze

  1. Complicanze
  2. IL RIGETTO
    Malgrado la terapia assunta si potranno verificare episodi di rigetto da trattare con la terapia adeguata. La biopsia endomiocardica č l'unico sistema che permette di avere una diagnosi certa di rigetto. La biopsia si esegue tramite un cateterismo cardiaco destro. Il biotomo (una lunga pinza) viene inserito tramite una grossa vena (del collo, del braccio o dell'inguine) nel ventricolo destro. Grazie a questo strumento verrà asportato un microscopico pezzettino di cuore da fare analizzare. Segni di sospetto rigetto possono essere:
    1. - rialzo della temperatura corporea in assenza di infezioni
    2. - presenza di aritmie cardiache
    3. - un vago malessere
    Agli esami ematochimici č possibile riscontrare un aumento dei globuli bianchi, all'ecocardiogramma un aumento dello spessore delle pareti del cuore ed all'elettrocardiogramma una diminuzione dei voltaggi dei QRS. La diagnosi certa tuttavia č possibile solo con l'analisi microscopica diretta delle cellule cardiache prelevate con la biopsia endomiocardica. Proprio per questo la biopsia viene ripetuta a scadenze fisse:
    1. - ogni settimana per il primo mese
    2. - ogni 15 giorni per i due mesi successivi
    3. - ogni mese per altri tre mesi
    4. - ogni due mesi per lo scadere del primo anno.
    Successivamente la biopsia verrà eseguita se sorge il sospetto di un rigetto o per controllare l'efficacia del trattamento antirigetto. In realtà dopo un anno dal trapianto i rigetti acuti sono rari e la biopsia verrā eseguita solo su specifica indicazione.

    LE INFEZIONI
    Quando il sistema immunitario, che č deputato a combattere le infezioni in condizioni normali, sarà indebolito dai farmaci immunosoppressori necessari per controllare il rigetto, il paziente sarà più esposto al rischio di infezioni. Questo si verifica soprattutto nei primi mesi, quando il livello di immunosoppressione č più alto.
    Immediatamente dopo il trapianto il soggetto č particolarmente a rischio e quindi sono necessarie precauzioni particolari per evitare la trasmissione di batteri e virus.
    La comparsa di sintomi va sempre segnalata ai medici del centro.
    La temperatura va controllata ogni mattina e si deve contattare il Day Hospital se sale oltre 38 gradi.

    NEOPLASIE
    Quando il sistema immunitario, che č deputato a combattere le infezioni in condizioni normali, sarà indebolito dai farmaci immunosoppressori necessari per controllare il rigetto, il paziente sarā più esposto al rischio di neoplasie. Il 6% dei pazienti sviluppa infatti neoplasie. Naturalmente non si tratta sempre di tumori maligni e la metà sono tumori della pelle curabili con la piccola chirurgia.
    Il sistema immunitario di norma tiene anche sotto controllo lo sviluppo di cellule anomale. L'utilizzo cronico di immunosoppressori può allora slatentizzare processi che avrebbero impiegato anni a manifestarsi.
    Si raccomanda quindi un'attenta profilassi, eseguendo:
    1. - per le donne, PAP test e mammografia
    2. - per i maschi, controlli periodici urologici (prostata)
    E' utile inoltre:
    1. - evitare situazioni predisponenti (esposizione eccessiva al sole...)
    2. - comunicare subito ai medici fatti patologici anche modesti (febbricole, dolori addominali, piccole perdite di sangue nelle urine o feci...)

    CORONAROPATIA
    Nel cuore trapiantato le coronarie sono più delicate, più facilmente si ammalano di aterosclerosi. I motivi non sono ancora ben noti: forse per una reazione del sistema immunitario (rigetto cronico) o forse per un effetto collaterale delle terapie immunosoppressive antirigetto. Per questo motivo diventa ancora più importante per il paziente un'attenta profilassi ossia una prevenzione contro l'aterosclerosi attraverso la correzione dei fattori di rischio coronarico.